Home » Come portare innovazione in azienda

Come portare innovazione in azienda

Indice.

Se sei il proprietario o il manager di una PMI o di una micro impresa, ti chiederai di continuo come creare una strategia di innovazione che funzioni per la tua azienda. Dopotutto, un conto è trovare una nuova idea, ma trasformarla in una valida soluzione aziendale è tutta un’altra cosa.

Passare dalla teoria alla pratica spesso fa emergere problemi che non erano chiari all’inizio. Inoltre, i risultati all’atto pratico tendono a divergere da quelli attesi in fase di ideazione.

Fortunatamente, ci sono alcuni passaggi che puoi intraprendere per aumentare le possibilità di successo della tua strategia di innovazione per le piccole imprese.

In questo post esploreremo quali sono questi passaggi e come puoi metterli in pratica.

Quindi continua a leggere per saperne di più!

Definisci cosa significa innovazione per il tuo business

L’innovazione è una parte inestimabile di ogni attività, in quanto è la base della crescita e del successo. Significa sviluppare prodotti, servizi ed operazioni che creano un valore unico per il cliente.

Ad esempio, l’innovazione di prodotto nella tua azienda potrebbe consistere nell’offrire nuove funzionalità di un prodotto esistente, come uno strumento di personalizzazione che consente ai clienti più opzioni di scelta.

Oppure, nel caso di innovazione di un servizio, potrebbe riguardare la fornitura di maggiore assistenza ai clienti sotto forma di consulenze virtuali o opzioni di teleassistenza.

Infine, l’innovazione delle operazioni può comportare l’utilizzo della tecnologia in modo più efficiente per automatizzare determinati processi e semplificare i processi di lavoro.

L’innovazione diventa quindi essenziale per continuare a differenziarsi dalla concorrenza offrendo valore concreto.

Da dove si inizia ad innovare

Prima di tutto, devi stabilire traguardi e obiettivi per la tua strategia di innovazione. Quando si tratta di creare una strategia di innovazione efficace, la definizione di traguardi e obiettivi è la chiave del successo. È importante coinvolgere le parti interessate (stakeholders) nella generazione di idee e nel processo decisionale, in quanto possono fornire informazioni preziose su ciò che spingerà veramente avanti la tua azienda.

Una volta raccolte le possibili idee, puoi creare obiettivi tangibili che siano misurabili e perseguibili: questi dovrebbero essere il più specifici possibile riflettendo anche l’idea più ampia di ciò che la tua azienda sta cercando di realizzare.

Una volta che hai impostato questi obiettivi, puoi pianificare correttamente le tattiche e le risorse che supportano il raggiungimento di tali obiettivi. In questo modo, ogni passo ti avvicina alla visione generale, guidando la tua strategia di innovazione verso il successo.

Cosa si può innovare

Una volta compresa l’importanza di un processo di innovazione, devi concentrarti su cosa, all’atto pratico, necessita di innovazione all’interno della tua azienda. Ad esempio:

  • Prodotti e Servizi: questa è l’area più ovvia di innovazione, e include la creazione di nuovi prodotti o servizi, o il miglioramento significativo di prodotti o servizi esistenti.
  • Processi: questo riguarda il modo in cui l’azienda produce i suoi prodotti o eroga i suoi servizi. L’innovazione di processo può comportare l’implementazione di nuove tecniche di produzione, l’automazione di processi manuali, il miglioramento dell’efficienza, la riduzione dei costi, ecc.
  • Modello di Business: questo riguarda il modo in cui l’azienda guadagna denaro, e può includere l’innovazione nel pricing, nelle strategie di vendita e distribuzione, nella catena del valore, nei canali di vendita, ecc.
  • Cultura Organizzativa: l’innovazione può riguardare il modo in cui l’azienda è organizzata e gestita, e può includere cambiamenti nelle strutture organizzative, nelle politiche di gestione delle risorse umane, nella leadership, nella comunicazione interna, ecc.
  • Tecnologia: questo include l’implementazione di nuove tecnologie all’interno dell’organizzazione, che possono riguardare la produzione, la distribuzione, l’amministrazione, la comunicazione, ecc.
  • Marketing e Vendite: questo può includere l’innovazione nel modo in cui i prodotti o i servizi sono promossi e venduti, come l’implementazione di nuove strategie di marketing digitale, l’uso di dati e analisi per migliorare le vendite, ecc.
  • Sostenibilità: questa è un’area di crescente importanza, e l’innovazione può riguardare l’implementazione di pratiche più sostenibili ed ecologiche, come l’uso di materiali riciclati, la riduzione dell’energia e delle emissioni, l’adozione di politiche di responsabilità sociale d’impresa, ecc.

Ricorda che l’innovazione può essere radicale (cambiamenti completamente nuovi) o incrementale (miglioramenti a ciò che esiste già), e entrambi sono importanti per il successo a lungo termine dell’azienda.

Vuoi portare una strategia di innovazione nella tua azienda? Parliamone.

Come si può innovare

Se ancora non hai idee da cui partire, ora ti propongo alcuni concetti che potrebbero innescare dei processi di innovazione. Ma sia chiaro: innovare non comporta necessariamente agire in maniera diversa rispetto al passato.

Una visione volta all’innovazione porta a degli obiettivi che permettono di crescere più velocemente, di portare più valore ai tuoi clienti e di procedere verso la visione e la missione dell’azienda.

Nel modello di Open Innovation di Henry Chesbrough, l’innovazione può essere ottenuta attraverso vari canali e strategie. Ecco una possibile tassonomia delle strategie di innovazione basata su questa visione:

  • Innovazione interna: Questa è la modalità tradizionale in cui l’innovazione avviene internamente. Questo può includere ricerca e sviluppo (R&D), brainstorming e generazione di idee, formazione e sviluppo del personale, ecc.
  • Acquisto di tecnologia/competenze dall’esterno: Questo può includere l’acquisto di tecnologia o di servizi da terze parti, l’outsourcing di R&D, l’acquisto di licenze, brevetti o know-how, l’utilizzo di consulenti o esperti esterni, ecc.
  • Partnership e collaborazioni: Questo può includere joint venture, alleanze strategiche, partenariati di ricerca, ecc. Il vantaggio è che si condividono i rischi e i costi, si ottiene accesso a competenze e risorse complementari, e si accelerano i tempi di entrata sul mercato.
  • Acquisizioni aziendali: Questo riguarda l’acquisto di altre aziende per ottenere accesso a tecnologie, competenze, risorse o mercati. Può essere un modo rapido per innovare, ma anche rischioso e costoso. È la mossa tipica delle big tech, che comprano progetti già avviati per bypassare tutta la fase di generazione iniziale.
  • Crowdsourcing e User Innovation: Questo sfrutta la conoscenza e le idee della comunità di utenti o del pubblico in generale. Può includere concorsi di idee, feedback degli utenti, collaborazioni con la comunità, ecc.
  • Incubazione e investimenti in startup: Questo riguarda l’investimento o il sostegno a startup esterne, che possono portare innovazione attraverso nuove idee e tecnologie. Può includere acceleratori aziendali, venture capital, corporate venture capital, ecc.

Inizia con una semplice analisi SWOT

Fare un’analisi SWOT della tua azienda è probabilmente uno dei passi più importanti che puoi compiere.

Cosa significa “SWOT”? Si tratta di un acronimo che sta per Strengths (Punti di forza), Weaknesses (Punti di debolezza), Opportunities (Opportunità) e Threats (Minacce). È una tecnica utilizzata per aiutare un’organizzazione a identificare i fattori interni ed esterni che influenzano il raggiungimento degli obiettivi.

  • Punti di forza (Strengths): Questi sono gli attributi interni positivi di un’organizzazione o un individuo, che possono essere sfruttati per raggiungere gli obiettivi. Possono includere competenze specializzate, risorse, competenze o altri vantaggi competitivi.
  • Punti di debolezza (Weaknesses): Questi sono gli attributi interni negativi che possono ostacolare il raggiungimento degli obiettivi. Possono includere aree in cui l’organizzazione o l’individuo è meno competente o ha meno risorse rispetto alla concorrenza.
  • Opportunità (Opportunities): Questi sono fattori esterni che l’organizzazione o l’individuo potrebbe essere in grado di sfruttare a suo vantaggio. Potrebbero includere tendenze di mercato, cambiamenti normativi o altri fattori esterni che potrebbero offrire opportunità.
  • Minacce (Threats): Questi sono fattori esterni che potrebbero ostacolare l’organizzazione o l’individuo nel raggiungimento dei suoi obiettivi. Potrebbero includere concorrenza, cambiamenti economici, cambiamenti normativi o qualsiasi altro fattore esterno che potrebbe presentare sfide.

L’analisi SWOT è uno strumento strategico che può aiutare a identificare e comprendere questi quattro elementi, fornendo una base per pianificare, prendere decisioni e gestire il cambiamento.

Partire da un’analisi del genere non solo migliorerà la tua visione di dove si colloca la tua azienda sul mercato, ma può anche aiutarti a vedere quali opportunità puoi sfruttare e le potenziali minacce che potresti incontrare. Prendersi il tempo per analizzare realmente i propri punti di forza, le debolezze, le opportunità e le minacce può metterti in vantaggio rispetto alla concorrenza.

Tuttavia, non si tratta solo di analizzare ciò che già esiste. Sfruttando le nuove tecnologie disponibili, potresti essere in grado di scoprire tendenze nascoste che possono aiutarti a suggerire modi totalmente nuovi di fare affari e di offrire un vantaggio competitivo che può aiutarti a incrementare il successo della tua azienda.

Crea un budget per la tua strategia di innovazione

La creazione di un budget per la tua strategia di innovazione può sembrare inizialmente scoraggiante, ma è un passo importante per portare la tua attività a nuovi livelli. Ti consente di suddividere le spese per passo necessario allo sviluppo della tua strategia, utilizzando le risorse rimanenti per fare investimenti in nuove opportunità di business.

In pratica, è importante definire a monte quanto budget è possibile allocare in processi di innovazione, scindendo le voci di spesa fra processi di innovazione di prodotti o servizi esistenti, rispetto alla creazione di linee di business nuove. Capita spesso di trovarsi senza budget perché non si è destinato a priori un certo flusso all’innovazione, e questo rende impossibile sviluppare adeguatamente. Se ad esempio si dispone di un budget a inizio anno, si può già definire che un decimo, o un quinto sarà destinato a migliorare linee esistenti, mentre il restante sarà necessario per sviluppare progetti nuovi – o il contrario. Non importa il quantitativo esatto. Importa l’atto di definire tale budget prima di agire.

Seguendo questa strategia di budget, puoi assicurarti di utilizzare saggiamente ogni euro della tua attività e di investire nelle innovazioni più promettenti.

Ti piace quello che stai leggendo?
Il meglio lo trovi sulla newsletter. Iscriviti.

Implementa e monitora i progressi

Una volta definito cosa si desidera innovare, come farlo, quali figure saranno coinvolte e qual è il budget a disposizione, è importante definire anche un tempo di attuazione e un periodo di valutazione dei risultati ottenuti.

Quando si attua la strategia, è vitale tenere traccia dei risultati in modo accurato e chiaro. Tali risultati avranno necessità di un certo periodo iniziale di adeguamento, perché ogni innovazione non porta risultati istantanei, bensì tendono a maturare.

Al termine del periodo di valutazione, si analizzano i risultati in termini di performance di fatturato, o di risparmi in termini di costi per l’azienda, o qualsiasi altro parametro che è concausa del processo di innovazione messo in atto, e si valuta se renderlo permanente. Nel caso in cui i risultati non soddisfino le aspettative, è importante prima di tutto chiedersi: le aspettative erano realistiche?

L’innovazione spesso porta a risultati non facilmente misurabili, ad esempio, nella soddisfazione del cliente, o nella penetrazione del brand. In questi casi, un valido consiglio è non solo attendersi risultati in termini economici, bensì anche in termini di snellimento dei processi, di guadagno d’immagine e di informazioni acquisite.

Ad esempio, un tipico processo di innovazione risiede nel modificare il packaging di un prodotto in un’ottica di maggiore sostenibilità ambientale. L’argomento è attuale e l’interesse nei confronti di queste dinamiche è alto, per cui cosa devi attenderti?

  • Vuoi dare un’immagine diversa del tuo prodotto e della tua azienda, mostrando una sensibilità nuova nei confronti dell’ambiente
  • Questa immagine dev’essere reale: effettivamente il tuo packaging sarà a minor impatto ambientale
  • Questo minor impatto deve sposarsi a una riduzione dei costi, o quantomeno, a un pareggio rispetto ai costi precedenti
  • Il tuo marketing si adatterà di conseguenza per mostrare questa nuova sensibilità ed enfatizzare l’innovazione
  • In termini misurabili, hai ottenuto un calo dei costi di imballaggio – o quantomeno, non un aumento. In termini meno misurabili ma ugualmente importanti, come ad esempio in termini di penetrazione del brand e di immagine, ti sei allineato al trend dominante di questi anni andando a soddisfare un’utenza sempre più attenta a certe tematiche.

L’implementazione di una strategia di innovazione è un rischio e un’opportunità allo stesso tempo

Come avrai già intuito, implementare una strategia di innovazione richiede che tu prenda dei rischi. Di base è necessario un budget, che potrebbe non portare a un risultato concreto. Inoltre, in termini di tempo e di assegnazione di risorse, può essere impegnativo. Dopotutto quando si parla di innovazione si deve tendere a ragionare in modo diverso, con un approccio più simile a quello di una startup: testando e imparando, provando e riprovando finché non si ottiene il massimo del risultato.

Ma questi rischi sono anche controbilanciati da grandi opportunità. Un’azienda che non innova, è un’azienda ferma.

In stasi. In balia di un mercato in continua evoluzione. Innovare non dev’essere visto solo come un costo, dev’essere interiorizzato a tutti livelli come una necessità costante. Un nuovo prodotto può aprire le porte a una rivoluzione all’interno dell’azienda, e grandi profitti. Un nuovo servizio può salvare il business in un momento di grandi cambiamenti macro economici.

Se stai cercando aiuto per impostare o implementare una strategia di innovazione, contattami per studiare insieme un piano di sviluppo strategico.

Il mio ruolo è quello di portare ordine nel caos delle PMI, grazie alla mia lunga esperienza nel campo della consulenza aziendale. Lavoriamo insieme per definire il miglior processo di innovazione per la tua azienda!

Condividilo!

Contattami.

Leggo ogni email che ricevo con la dovuta attenzione e rispondo entro 24 ore cercando di essere quanto più esaustivo possibile. Scrivimi.