Cos’è il business plan e quando crearlo

Quello di cui voglio parlarti oggi è come creare materialmente il business plan della tua azienda. In questo articolo ti darò un’infarinatura generale dei suoi aspetti principali.

A chi serve un business plan?

La risposta breve sarebbe semplicemente “a tutti”, ma cerchiamo di approfondire un poco questo concetto. La creazione di un business plan è utile a liberi professionisti, microimprese e piccole e medie imprese: realizzare quello per la tua attività ti aiuterà ad organizzare il tuo lavoro e sviluppare la giusta  mentalità imprenditoriale.

Quali sono gli elementi fondamentali del business plan?

Qui di seguito andrò ad elencarti le parti principali di questo documento.

I punti di cui si compone il business plan sono:

  • La sintesi del tuo progetto;
  • Impresa e imprenditore;
  • Il team o il personale;
  • Il mercato di riferimento;
  • La concorrenza;
  • Gli approvvigionamenti;
  • Le linee di prodotto e servizi;
  • Strategia commerciale e marketing;
  • Il patrimonio intellettuale;
  • Il network;
  • Investitori e capitali;
  • Le proiezioni economiche.

Quello che sarà il contenuto di alcune sezioni è intuibile, mentre altre richiedono qualche conoscenza ed attenzione in più.
Analizziamo ora velocemente ogni punto, così da capire insieme come stendere una prima veloce bozza. Per saperne di più, analizzare con me il tuo business plan e addentrarti maggiormente nel mondo del business ti ricordo che puoi consultare il mio corso online su questo argomento: ci troverai la risposta alle tue domande, ai tuoi dubbi e tanti consigli ed esempi pratici.

La sintesi del tuo progetto

Dovrai scrivere i tuoi obiettivi, e cercare di rendere il tuo prospetto il più chiaro e concreto possibile.

Impresa e imprenditore

Qui dovrai parlare di te, delle tue capacità, dei tuoi studi e dei traguardi che vuoi raggiungere o hai già raggiunto.

Il team o il personale

Analizzando la fase aziendale in cui si trova la tua azienda, dovrai calcolare il tipo e il numero di collaboratori di cui avrai bisogno.

Il mercato di riferimento

Argomento che abbiamo affrontato più di una volta su questo blog, comprendere qual è il tuo mercato di riferimento è indispensabile per la tua attività. Ma non solo, dovrai anche inserirvi le tue buyer personas di riferimento. Nel corso troverai molti suggerimenti su dove e come trovare le informazioni che ti occorrono a completare questa parte correttamente.

I competitor

In questa sezione è necessario descrivere i tuoi competitor, esaminare la tua concorrenza e capire se è di tipo diretto, indiretto o sostitutiva. Dovrai anche fare qualche piccola analisi sui loro prodotti, clienti ideali e sulla loro presenza online.

Le linee di approvvigionamento

Non necessarie per tutte le aziende, dipendono dal tipo di attività che gestisci.

Linee di prodotto o servizi

Qui dovrai inserire tutti i prodotti o servizi che vuoi immettere sul mercato, completi di prezzo e descrizione delle loro caratteristiche. È importante che tu sia sintetico nelle descrizioni, e per questo ti consiglio la creazione di schede prodotto.

Strategia commerciale e marketing

Che strategia hai deciso di adottare per far conoscere la tua attività? Hai un tipo di approccio artigianale, o imprenditoriale? Che canali vuoi utilizzare per pubblicizzare i tuoi prodotti?

Il patrimonio tecnico intellettuale

È la parte dedicata agli asset della tua azienda, cioè a tutto ciò che crea valore all’interno della tua attività.

Il network

Perché crearne uno? Quali sono i suoi vantaggi? È necessario per tutti i business? A quest’ultima domanda mi sento di rispondere con un forte e chiaro . Sarà un elemento essenziale e di appoggio per la tua attività, ti aiuterà a far crescere la tua azienda e la tua presenza sul mercato.

Investitori e capitali

In questa sezione dovrai inserire i tuoi investitori, o se la tua attività è ancora in fase concettuale, chi saranno e come intendi restituire loro la liquidità che ti concederanno. Sono prestiti a fondo perduto? È un muto a tasso fisso o variabile? È del denaro concesso con la promessa di diventare soci dell’azienda in un secondo momento?

Le proiezioni economiche

Spesso molti guardano con una certa ansia la sezione dedicata alle proiezioni economiche, quelle sono potenzialmente molto tecniche da realizzare quando tutte le idee sono chiare e allineate.

Di solito lo studio di fattibilità, la pianificazione e i previsionali sono tanto più semplici quanto il progetto è chiaro e delineato, poi chiaramente saranno elementi numerici da tenere allineati con tutti le modifiche del progetto.

Hai dei dubbi? Scrivi nei commenti o contattami

Add a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.