Chi sono.

Come tutti, anche io ho iniziato dalla gavetta. Appena ventenne, armato solo di quell’energia che ti fa non guardare mai l’orologio, sono entrato in Vivaticket come beta tester di software gestionali e vendita online. Si tratta del più grande organizzatore di eventi in Italia, cosa che mi permise di lavorare con i maggiori teatri ed organizzatori di eventi in Italia. Mi infilai in ogni possibile processo: dall’installazione dei sistemi, alla formazione del personale, fino al lancio delle nuove stagioni teatrali. Mi occupavo anche di analisi dati per il marketing, cosa che mi è tornata molto utile successivamente.

Cosa ho imparato.

  • Gestione di architetture informatiche complesse
  • Elementi di programmazione in vari linguaggi
  • Gestione di progetti digitali
  • Gestione e organizzazione di sistemi di vendita omnichannel
  • Gestione del personale
  • Programmi di formazione, upskilling e reskilling delle persone
  • Strategia di vendita multicanale
  • Analisi dei dati ed elementi di amministrazione e contabilità

Dopo cinque anni ho deciso di cambiare e ho messo in campo ciò che avevo imparato di marketing, aprendo un’agenzia di comunicazione insieme ad altri partner. Si chiamava Vivilweb e con essa abbiamo improntato un modello di business che dopo qualche anno si è diffuso ovunque: proporre a PMI e professionisti un web builder ad abbonamento mensile.

Cosa ho imparato.

  • ownership di un prodotto digitale
  • la creazione di una start up sotto tutti i punti vista (reperimento fondi, strategia di marketing, comunicazione e vendita)
  • business plan e gestione delle risorse
  • networking

Nello stesso periodo ho scoperto la passione per la fotografia, che ho subito messo in pratica svolgendo un’attività parallela di fotografo in vari settori, dai privati alle riviste fino agli eventi (JazzIt, Turismo Culturale, ecc). Proprio la fotografia mi ha portato a lavorare per Rikorda, una cooperativa di Forlì leader nella stampa fotografica che sviluppava al suo apice 35 milioni di euro di fatturato, e di cui sono diventato referente del customer care.

In questa fase.

  • ho riprogettato tutto il sistema di gestione del supporto clienti per i clienti finali e per i clienti B2B, implementando la gestione a ticket per il gruppo
  • ho creato tutta la struttura organizzativa del team di supporto, implementando una gestione ad obiettivi per efficientare la struttura;
  • ho avuto funzioni di raccordo tra vari team IT, development e marketing
  • ux design e ownership di prodotto
  • marketing strategy
  • cicli di sviluppo

Dopodiché sono passato a un altro ramo dell’azienda, chiamato Celebra, che offriva soluzioni di stampa specifici per fotografi professionisti.

Per 4 anni ho ricoperto il ruolo di product e brand manager con l’obiettivo di far crescere la penetrazione nel mercato dei prodotti e del brand.

Cosa ho fatto.

  • creato 5 nuove linee di prodotto, lavorando sullo style e product design, sulla parte comunicativa e imbastendo la strategia commerciale e di marketing
  • introdotto il brand all’interno di associazioni di categoria e di settore occupandomi di tutta la parte di sponsorizzazioni, network e business development portando l’azienda ad essere conosciuta a livello nazionale nel proprio settore
  • organizzazione di eventi aziendali in tutta italia
  • supporto alla direzione commerciale nella definizione delle strategia di vendita, di lancio e commercializzazione dei nuovi prodotti
  • supporto alla forza vendita sul territorio nazionale
  • assessment e avvio dell’attività di internazionalizzazione del brand nelle aree Francia, Slovenia, Croazia e Germania
  • progettazione e lancio di un academy aziendale utile alla formazione dei fotografi negli ambiti della stampa, scatto e gestione aziendale per rafforzare la fidelizzazione e la retention

Tutta quest’esperienza finì bruscamente a causa dell’acquisizione da parte di un competitor, che smantellò tutto.
Mi trovai così a dovermi reinventare di nuovo, per l’ennesima volta.

Da qui nasce Tomura, la mia agenzia di marketing digitale, il culmine del mio percorso professionale. Lo scopo di Tomura è di essere a supporto delle aziende e dei professionisti che mancano di know how riguardo il marketing strategico e operativo, fungendo da ufficio marketing esternalizzato. Tomura si affianca all’impresa e mette in campo competenze a 360° focalizzate su un obiettivo: comunicare.

Ma Il mio percorso non si ferma qui.

In qualità di business & innovation strategist, mi metto in gioco in primis come professionista al servizio di chiunque voglia crescere. Il mio scopo è tracciare rotte e definire piani. Trovare traiettorie e soprattutto insegnare a seguirle. Ed è questo il ruolo dove ora sto riversando tutto ciò che ho imparato nel mio percorso, tutti i successi e i fallimenti, per creare una realtà dinamica in grado di sopravvivere a qualsiasi cosa. Persino a me stesso.